A tavola! Anzi no: al museo!

di Lorenzo Dell’Onore

Ma però (9)

«Il cibo e la scienza: non sui libri ma a contatto diretto, alla scoperta dei segreti più sorprendenti del lungo viaggio dal seme alla tavola. Food è l’anteprima di Expo 2015 per i bambini e per i grandi che hanno voglia di conoscere divertendosi. Il Museo di Storia Naturale è il luogo giusto per tutto questo, perché è un posto dove si crea l’emozione della scienza per tutte le età. Le sei sezioni di Food nascono per smontare certezze, per crearne di nuove e migliori. Soprattutto per incontrare il “dietro le quinte” di ciò che mangiamo. Tra la tavola e il seme c’è un mondo di esperienza, di tradizione, di tecnologia che va scoperto con tutti i nostri sensi. Expo 2015 ha la stessa ambizione: portare a Milano l’universo dell’alimentazione, le sue problematiche, le sue sfide. Cominciare dai bambini e dai ragazzi è davvero un’ottima idea».

Giuliano Pisapia
Sindaco di Milano

01 FOOD Struttura cipolla ©PEPE nymi

01 FOOD
Struttura cipolla
©PEPE nymi

Come tutti sanno, Milano quest’anno ospiterà un evento di portata internazionale, Expo 2015, che per la città meneghina costituirà senza dubbio una grande opportunità nonché una sorta di vetrina per aprirsi e presentarsi al mondo. Ovviamente l’auspicio è quello di ricavarne ricadute positive, dal punto di vista economico e culturale, per l’intero Paese o, se non per l’Italia nel complesso, almeno per il capoluogo lombardo e dintorni.

In vista di questa importante manifestazione non potevo farmi mancare una visita al Museo civico di Storia naturale di Milano, dove è in corso dal novembre scorso un’esposizione sul cibo. Cosa c’entri questa mostra con Expo 2015 è facilmente intuibile: il tema di Expo Milano è “Nutrire il pianeta: energia per la vita” e l’energia di cui si parla è proprio il cibo. Ci si immergerà dunque a 360 gradi nel mondo dell’alimentazione, in tutte le sue sfaccettature, e al Museo è già possibile assaporare in piccolo e nei suoi punti essenziali quello che verrà mostrato in grande nell’esposizione universale, dal primo maggio al 31 ottobre¹.

Quindi è opportuno precisare sin da ora una cosa: se vi siete lasciati traviare dal titolo, sappiate che in questo articolo non troverete ricette e segreti su piatti prelibati, e, a questo punto, potrei aver deluso le aspettative di qualche golosone. Ma credo che valga la pena di restare per scoprire cosa la mostra ha da offrire. Partiamo innanzitutto dal titolo: FOOD – La scienza dai semi al piatto.
Il visitatore verrà immerso nel mondo dell’alimentazione e potrà scoprire un po’ di tutto, persino le ricette e i menù storici, come quelli bizzarri inventati dagli autori del Futurismo. Le spiegazioni spaziano dalla storia di singoli ingredienti o prodotti alimentari – si scopre, per esempio, che la tanto amata cioccolata calda, che allieta e scalda i nostri pomeriggi invernali, era inizialmente una bevanda a dir poco disgustosa e imbevibile, ereditata dai Maya – al funzionamento di macchinari per la produzione e la conservazione del cibo. Non mancano nemmeno suggerimenti su come cuocere perfettamente la carne o ottenere un’ottima maionese o una gustosa crème brûlée. Una parte della mostra è persino dedicata al caffè, la bevanda benedetta da milioni di persone stanche e stressate in tutto il mondo, con informazioni utili sul quantitativo di caffeina contenuta nei diversi tipi di caffè. Oltre a tutto ciò, “il visitatore, attraverso l’esposizione di preziosi semi che escono per la prima volta dalle più importanti banche dei semi italiane, scoprirà che cos’è davvero la biodiversità, i cambiamenti in corso e le azioni/iniziative volte a preservarla” (così recita la locandina della mostra).

08 FOOD Tazzina di caffè © BARBARA TORRESAN

08 FOOD
Tazzina di caffè
© BARBARA TORRESAN

Essenzialmente si possono individuare quattro sezioni: i semi, l’evoluzione degli alimenti, la scienza in cucina e i sensi. Completano il percorso i video e i giochi interattivi: i primi sono brevi filmati che fungono da approfondimento su temi come la preservazione dei prodotti naturali e i lavori svolti in passato per attuarla (c’è per esempio un filmato, unico nel suo genere, realizzato dall’Istituto Luce su agronomi al lavoro in epoca fascista); i secondi invece sono ideali per mantenere viva la concentrazione (soprattutto di chi non ama molto leggere) e per imparare divertendosi: ci sono touchscreen con attività interattive per scoprire l’origine di piante e animali e, dislocate qua e là e in particolare nel tratto finale, sono presenti alcune teche attraverso cui percepire con l’olfatto una grande quantità di essenze. Perché il cibo, il nostro carburante quotidiano, non coinvolge soltanto il gusto….

11 FOOD Farina di mais © BARBARA TORRESAN

11 FOOD
Farina di mais
© BARBARA TORRESAN

Vi devo confessare che temevo il peggio e per “peggio” intendo lunghe e noiose descrizioni di semi e ingredienti, oppure una sterile spiegazione della catena produttiva dal raccolto sino alla lavorazione industriale e alle nostre tavole. Invece il Museo mi ha piacevolmente sorpreso, come più volte in passato, e mi son dovuto ricredere.
Il pregio delle esposizioni del Museo di Storia naturale è infatti quello di sapere come mantenere attiva la curiosità del visitatore lungo tutto il percorso allestito: i cartelli descrittivi sono bene in vista, colorati, grandi, dai caratteri chiari e leggibili. Le spiegazioni sono esaustive, con un lessico accessibile a tutti, per nulla troppo tecnico, poiché lo scopo della mostra è dichiaratamente divulgativo, e tale deve essere per ogni esposizione che si rispetti. La scienza deve fare questo: una comunicazione chiara e semplice è la più efficiente e permette di convogliare una grande mole di messaggi, che spesso sono solo apparentemente difficili e che riguardano anche cose che spesso diamo per scontate, come la nostra alimentazione appunto, e che al contempo, paradossalmente, conosciamo poco o male.

32 FOOD Uovo che frigge Credito da indicare per esteso: FOOD La | scienza dai semi al piatto. Courtesy Modernist Cuisine LLC

32 FOOD Uovo che frigge
Credito da indicare per esteso:
FOOD La | scienza dai semi al piatto.
Courtesy Modernist Cuisine LLC

In definitiva, è quindi una mostra ben pianificata ed organizzata. Sarebbe stato ancora meglio trovare più attività interattive o, perché no, avere la possibilità di fare qualche assaggio. Una mostra, insomma, quella di “FOOD”, che mette l’acquolina in bocca (non mancano di certo le occasioni per farsela venire), ma attenzione: vi potrete saziare solo con la vista e l’olfatto. Il senso del gusto bisogna accantonarlo per un attimo.

14 FOOD Roastbeef cottura 180° © BARBARA TORRESAN

14 FOOD
Roastbeef cottura 180°
© BARBARA TORRESAN

Prossimo appuntamento con l’alimentazione: Expo 2015.

INFORMAZIONI UTILI
Il Museo civico di Storia naturale di Milano è situato nei Giardini pubblici “Indro Montanelli” (Corso Venezia 55), comodamente raggiungibili con la linea M1 (fermata Palestro). L’esposizione, promossa dal Comune di Milano, resterà in programma fino al 28 giugno 2015. Per informazioni sui prezzi e altro, consultare il sito al seguente link: www.mostrafood.it
Hashtag per i social media: #FoodMi


1http://www.expo2015.org/it

Lascia un commento